Paure, frontiere e progresso per chi è “A corto di diritti” | Piccola recensione di una delle serate simbolo di Corto dorico

Anche quest’anno cortometraggi e attenzione al reale si stringono la mano in “A Corto di diritti”, serata di Corto dorico con la partecipazione di Amnesty International. Un appuntamento che la Raval Family segue con partecipazione.

Nella foto, Marta Marzocchi, dell’equipe di Corto dorico, che mostra un talismano porta fortuna: il troll che è in tutti noi.

La paranoia da bomba terroristica, il richiamo e le diaboliche lusinghe del Daesh, il viaggio epico e infine tragico verso l’attraversamento dei confini, il trauma insanabile dei desaparecidos, lo strazio dei profughi, i diritti dei trans gender – persone che nel loro corpo racchiudono il senso della frontiera. Per capire i tempi in cui viviamo, una serata come “A Corto di Diritti” è uno spazio prezioso, che mette a fuoco certi nodi e vi getta uno sguardo attraverso, con la lente dell’arte. In questo caso quella cinematografica.

Le opere proiettate il 5 dicembre sullo schermo del Ridotto delle Muse, nell’ambito di Corto dorico,  sono state selezionate dagli attivisti di Amnesty International, fra quelle che concorrono al Premio Amnesty International per il miglior cortometraggio sui diritti umani. Nel solco di un gemellaggio collaborativo con l’associazione Nie Wiem (ideatrice e organizzatrice del festival) che continua da anni. Per portare, almeno fra il pubblico che frequenta le sale e ama i linguaggi artistici, un segnale di resistenza e solidarietà.

Presenti in sala, oltre al direttore artistico del festival Roberto Nisi, anche il presidente di Amnesty Marche presidente della Sezione Italiana di Amnesty International. E poi lo staff di Nie Wiem, attivisti per i diritti umani di vario tipo: operatori, artisti, consulenti legali, comunicatori e giornalisti attivisti, e soprattutto persone sensibili all’argomento e dalle antenne dritte. Si cerca, sempre e senza vergogna, di capire dove va il mondo. E credere ancora nel progresso, dei diritti e della collettività, a partire da chi è messo all’angolo e umiliato.

Si è aggiudicato il premio il cortometraggio A State of Emergency, di Tarek: due soldati francesi all’alba delle stragi terroristiche del 13 novembre 2015, a Parigi si trovano alle prese con una valigia sospetta. La paura che sia una bomba scatena un microcosmo ansiogeno che quasi degenera in panico e quindi reazione aggressiva e violenta. Solo un vecchio clochard alcolizzato, con le sue parole, sarà in grado di ribadire i diritti inalienabili della gente comune, che non vuole farsi risucchiare dal terrore.

 

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *